La Befana porta neve a bassa quota, è allerta in tutta la Calabria


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Neve a CosenzaLa Protezione civile della Calabria, sulla base del Bollettino di Vigilanza meteorologica nazionale di oggi 4 gennaio, e del preallerta telefonico del Dipartimento nazionale della Protezione Civile, ha diramato una nota di allerta che prevede “a partire dalle prime ore di domani 5 gennaio, e per le successive 48 ore, intense nevicate sino a quote basse su tutto il territorio regionale” calabrese.

Le nevicate potranno essere particolarmente intense lungo il bordo ionico dove potranno raggiungere il livello del mare. La Protezione civile invita quindi i Sindaci “all’attivazione dei sistemi di protezione civile”.

L’ente ha allertato le amministrazioni provinciali e l’Anas a garantire gli interventi di manutenzione sulle strade di propria competenza; i gestori di servizi essenziali (rete elettrica, gas, telefoniche, ecc.) ad assicurare la funzionalità delle reti ed i cittadini a mettersi in movimento solo in casi strettamente necessari e, in tali casi, dotarsi comunque di catene o pneumatici da neve”.

Nevicate possono verificarsi sull’autostrada Salerno Reggio Calabria, sulle coste e nei capoluoghi delle cinque province. L’allerta della protezione civile è puntuale nel chiedere agli enti competenti la predisposizione di prevenzione e pronto intervento come mezzi e uomini per potere affrontare in tempo eventuali disagi onde evitare diatribe.

Il 19 febbraio 2016 vi sono state polemiche incrociate tra istituzioni dopo che l’A3 e non solo è stata innevata a sufficienza tanto da bloccare il tratto del Savuto, nel Cosentino. Centinaia di automobilisti, molti dei quali del tutto irresponsabili (senza catene a bordo e con pneumatici lisci) furono bloccati per ore. A Cosenza città ci fu una nevicata record di circa 30 centimetri.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER