Furti a Cosenza, identificato il terzo ladro della sede Cgil


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

questura volante poliziaLa Questura di Cosenza ha denunciato, lo scorso 11 gennaio, un giovane di 24 anni, M.F., ritenuto responsabile di furto aggravato in concorso, avvenuto il 9 ottobre 2016 ai danni della sede della CGIL di Cosenza. Il provvedimento degli uomini del questore Liguori è legato al blitz dell’altro giorno in cui sono state arrestate 7 persone nell’ambito dell’inchiesta sui furti ai danni di scuole, enti pubblici, privati e a persone.

Al termine di un’attività di indagine, iniziata a cura di personale della Polizia di Stato già all’indomani del citato furto e proseguita anche dopo la recente operazione sui furti in città e provincia, il denunciato è stato identificato quale terzo autore del furto alla sede Cgil di piazza Vittoria.

Gli investigatori hanno raccolto elementi ritenuti precisi e attendibili circa il coinvolgimento del 24enne nel furto dove vennero razziati computer e altro materiale informatico che sarebbe stato poi rivenduto per ricavare quattrini.

Il personale della Squadra Volante effettua, inoltre, continui controlli anche nei confronti di persone sottoposte a vario titolo ad obblighi giudiziari.

A tal proposito nella giornata di giovedì è stato denunciato Q.E., di 31 anni, sorvegliato speciale per inosservanza agli obblighi impostigli dai magistrati cosentini sempre nell’ambito dell’operazione della scorsa settimana.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER