Padre Fedele: “Sono innocente ma non posso dire messa. Perché?”


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Padre Fedele: "Sono innocente ma non posso dire messa
Padre Fedele Bisceglia ai tempi delle sue battaglie in tribunale

“Sono passati 11 anni dal mio arresto, e io sono innocente, dichiarato tale anche dalla magistratura. Ma io non dico più messa, e non so perché. La responsabilità cade dunque sulla Chiesa cosentina e su chi mi ha diabolicamente infamato”.

Lo dice Padre Fedele Bisceglia, che proprio 11 anni fa venne arrestato e solo dopo una lunga battaglia legale, che lo vide anche, dapprima, condannato, riuscì a dimostrare la sua innocenza dall’accusa di aver abusato sessualmente di una suora. “Io sono tranquillo e sereno, e continuo a pregare per chi mi ha crocifisso – dice l’ex frate – ma questo è un massacro: chi ne è responsabile ne renderà conto a Dio. Io perdono tutti”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER