Omicidio Gigliotti e Lenti, chiesto l’ergastolo per Bruni e Ruà

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

aula giustizia processo“Condannare Gianfranco Bruni e Gianfranco Ruà all’ergastolo”. E’ la richiesta della Dda di Catanzaro Pierpaolo Bruni nel corso dell’udienza preliminare che si è svolta a Catanzaro per i due imputati che hanno scelto l’abbreviato nel processo sul duplice omicidio di Marcello Gigliotti e Francesco Lenti, avvenuto nel febbraio del 1986.

Si tratta di un fascicolo che riguarda un duplice omicidio rimasto senza colpevoli da tempo: a distanza di tanto tempo la Dda ha tirato fuori dagli archivi il caso dell’agguato ai due giovani esponenti della mala locale, riaprendo il caso e iscrivendo sul registro degli indagati Franco Pino e altri elementi di spicco della ‘ndrangheta cosentina come Francesco Patitucci, Gianfranco Bruni e Gianfranco Ruà.

Per Franco Patitucci e Franco Pino il processo si sta svolgendo con rito ordinario davanti alla Corte d’Assise di Cosenza. Per Bruni e Rua’ – che hanno scelto il rito abbreviato – venerdì mattina si e’ svolta l’udienza preliminare davanti al gup Pietro Carè.

Il pubblico ministero, Pierpaolo Bruni, nel corso della sua requisitoria, ha ricostruito i momenti salienti dell’efferato duplice omicidio rimasto per tanto tempo senza colpevoli. E ha evidenziato il contribuito dei pentiti.

Il giudice Carè ha aggiornato l’udienza al prossimo 23 giugno per le arringhe delle difese. Ruà è difeso dagli avvocati Marcello Manna e Massimo Perrone; Bruni è difeso dai legali Luigi Gullo e Luca Acciardi. Il gup ha poi fissato l’udienza del prossimo 11 settembre per la sentenza. (Il Velino)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER