Omicidio Gigliotti e Lenti, chiesto l’ergastolo per Bruni e Ruà

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

aula giustizia processo“Condannare Gianfranco Bruni e Gianfranco Ruà all’ergastolo”. E’ la richiesta della Dda di Catanzaro Pierpaolo Bruni nel corso dell’udienza preliminare che si è svolta a Catanzaro per i due imputati che hanno scelto l’abbreviato nel processo sul duplice omicidio di Marcello Gigliotti e Francesco Lenti, avvenuto nel febbraio del 1986.

Si tratta di un fascicolo che riguarda un duplice omicidio rimasto senza colpevoli da tempo: a distanza di tanto tempo la Dda ha tirato fuori dagli archivi il caso dell’agguato ai due giovani esponenti della mala locale, riaprendo il caso e iscrivendo sul registro degli indagati Franco Pino e altri elementi di spicco della ‘ndrangheta cosentina come Francesco Patitucci, Gianfranco Bruni e Gianfranco Ruà.

Per Franco Patitucci e Franco Pino il processo si sta svolgendo con rito ordinario davanti alla Corte d’Assise di Cosenza. Per Bruni e Rua’ – che hanno scelto il rito abbreviato – venerdì mattina si e’ svolta l’udienza preliminare davanti al gup Pietro Carè.

Il pubblico ministero, Pierpaolo Bruni, nel corso della sua requisitoria, ha ricostruito i momenti salienti dell’efferato duplice omicidio rimasto per tanto tempo senza colpevoli. E ha evidenziato il contribuito dei pentiti.

Il giudice Carè ha aggiornato l’udienza al prossimo 23 giugno per le arringhe delle difese. Ruà è difeso dagli avvocati Marcello Manna e Massimo Perrone; Bruni è difeso dai legali Luigi Gullo e Luca Acciardi. Il gup ha poi fissato l’udienza del prossimo 11 settembre per la sentenza. (Il Velino)

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM