Tentata estorsione e armi, tre arresti a Rende

Arresto carabinieriI Carabinieri della Compagnia di Rende hanno eseguito ieri tre arresti nel territorio di competenza, in ottemperanza a ordini di carcerazione emesse, a seguito di condanna, dalle procure generali di Catanzaro e Cosenza.

A Rende i militari della locale stazione hanno arrestato C. F., 51enne di Cosenza. L’uomo deve espiare la pena residua di 1 anno, 7 mesi e 15 giorni di reclusione per i reati di “tentata estorsione” commessi, in più occasioni, dal mese di gennaio 2012 al mese di novembre 2013, in città e provincia. L’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale di Cosenza.

Ad Acri è stato posto ai domiciliari un 46enne del luogo in merito ai reati di “porto abusivo di armi”, “danneggiamento” e “minaccia” commessi dall’uomo il 22 marzo 2017 ad Acri, per cui era stato preso in flagranza dai militari della locale stazione.

Infine, a Torano Castello, è stato condotto nel carcere di Cosenza un 34enne di Battipaglia, sul quale pendeva un ordine di esecuzione pena quale aggravamento della misura domiciliare a cui era già sottoposto, presso una comunità terapeutica del luogo.

L’uomo è accusato di “associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti”, reati commessi, tra il 2010 e il 2011, a Salerno. Il provvedimento scaturisce dalle ripetute violazioni degli obblighi cui era sottoposto, accertati dai militari della locale stazione.