Cariati, sequestrati 5 chilometri di reti da pesca illegali

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Sequestro-reti Reti da pesca illegali, note come spadare, per un totale di cinque chilometri sono state sequestrate dalla Guardia costiera di Corigliano Calabro a bordo di tre imbarcazioni ormeggiate nel porto di Cariati.

Le reti, utilizzate principalmente per la cattura del pescespada, una volta calate in mare avrebbero coperto una superficie pari a 40 campi di calcio. L’operazione è stata svolta nell’ambito delle attività di contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti. A carico dei comandanti dei tre pescherecci sono stati elevati altrettanti verbali amministrativi per un valore di 4 mila euro ciascuno.

L’utilizzo delle spadare, reti lunghe anche fino a 20 chilometri e larghe fino a 30 metri vietate dalla normativa, provoca il cosiddetto “effetto muro” catturando tutto ciò che vi finisce dentro: oltre alle specie bersaglio, anche tartarughe, i delfini, i capodogli, le balenottere e altri pesci di grande taglia.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER