Rende, preso truffatore seriale di specchietti. E’ un siciliano

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

truffa dello specchietto, preso sicilianoHa raggirato diversi automobilisti con la cosiddetta truffa dello specchietto. Le ultime due consumate nelle scorse settimane tra Rende e Montalto Uffugo.

L’ultima truffa non gli è andata bene, perché l’automobilista raggirato, in via Molinaro, a Rende, appena si è accorto delle intenzioni del truffatore, un 41enne siciliano, ha allertato il 112.

Così, i carabinieri della compagnia di Rende, dopo le descrizioni fornite dalla vittima lo hanno rintracciato e denunciato per il reato di “Truffa ed esercizio abusivo di una professione”.

Il truffatore, di cui non sono state rese note le generalità, per consumare la truffa ha lanciato alcuni sassi contro l’autovettura della vittima.

I militari una volta condotto in caserma hanno scoperto che il siciliano esercitava abusivamente anche il mestiere di “arrotino”, poiché mai iscritto presso alcuna Camera di Commercio come artigiano, utilizzando un congegno portatile di affilatura e molatura dei metalli.

Il 41enne veniva inoltre proposto per il provvedimento del “Foglio di via obbligatorio” con divieto di ritorno nel comune di Rende per 3 anni.

Sono decine le truffe dello specchietto che avvengono nell’area urbana cosentina. Nella maggior parte dei casi gli automobilisti, alla richiesta di denaro da parte dei malviventi, pagano.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER