Incendi in Calabria, 70% in più del 2016. Tansi: “Strategia criminale”

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

incendio CosenzaL’estate 2017 è stata anomala, e per certi versi inquietante, sul fronte incendi in Calabria. avendo fatto registrare, nel periodo 1 giugno-28 agosto, 7.773 roghi, con un incremento del 70% rispetto allo stesso periodo del 2016, e con modalità di innesco che dimostrano, secondo il capo della Protezione civile regionale Carlo Tansi, “una strategia criminale ben organizzata sul territorio sulle cui cause spero faccia luce la magistratura”.

Secondo un’analisi preliminare della Protezione civile la provincia di Cosenza risulta essere la più colpita con 2549 roghi e un incremento dell’85%. Nel cosentino sono andati bruciati 413,08 Kmq, il 6,2% della superficie dell’intera provincia.

“Ma ciò che è aumentato a dismisura – evidenzia Tansi – sono le superfici percorse. In provincia di Cosenza con pochi incendi molto vasti sono andati in fumo oltre 200 kmq di conifere prevalentemente dei parchi della Sila e del Pollino. E’ stato preso di mira e violato in modo deciso il patrimonio boschivo dei parchi nazionali”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER