Controlli antiterrorismo della Polizia in provincia di Cosenza

Black Friday Carlomagno novembre 2018

operazione ultimo miglio poliziaControlli antiterrorismo anche in provincia di Cosenza, con l’operazione nazionale ad alto impatto denominata “ultimo miglio” che ha portato nei giorni scorsi la Polizia di Stato a setacciare in diverse città italiane aree a rischio dove potrebbero nascondersi immigrati clandestini di sospetta ispirazione jihadista. Questo dopo l’attacco terroristico a Barcellona, in seguito al quale il Viminale ha deciso serrati controlli su tutto il territorio nazionale, soprattutto dopo le minacce dell’Isis rivolte al nostro paese.

L’azione sinergica di controllo del territorio rivolta al contrasto dell’immigrazione clandestina e all’eventuale rintraccio di cittadini extracomunitari irregolari sul territorio nazionale è stata coordinata dal dipartimento della pubblica sicurezza, direzione centrale anticrimine. Controlli accurati e perquisizioni sono stati effettuati dalle donne e dagli uomini del Questore della Provincia di Cosenza Giancarlo Conticchio in ambito provinciale.

Aree urbane, montane e balneari sono costantemente monitorati dal personale delle Forze di Polizia. In particolare nei giorni scorsi sono stati effettuati dei controlli straordinari con l’impiego di personale della Questura, dei commissariati di Paola, Rossano, Castrovillari, del Reparto Prevenzione Crimine Calabria Settentrionale, affiancato da Unità Cinofile della Questura di Vibo Valentia ed all’occorrenza anche degli artificieri.

L’azione di controllo preventivo a 360 gradi è tesa a rafforzare l’azione delle Forze di Polizia sul territorio ed ad ottenere una sempre maggiore percezione di sicurezza da parte della popolazione.

Numerose perquisizioni sono state effettuate in Provincia a persone e mezzi. In particolare nella città di Rossano sono state effettuati controlli in un mercato settimanale dove alcuni cittadini extracomunitari erano intenti a vendere merce contraffatta. Nell’occasione numerosi capi di abbigliamento ed accessori sono stati posti sotto sequestro in quanto merce recanti noti marchi di fabbrica falsi.

Nel contesto dei servizi straordinari di controllo del territorio, sono stati effettuati vari posti di controllo dinamico, nel corso dei quali, venivano controllati 205 automezzi, di cui 2 venivano sequestrati, identificate 378 persone, delle quali 72 di nazionalità extracomunitaria, 3 perquisizioni domiciliari. Venivano altresì denunciate tre persone all’autorità giudiziaria ed elevate 32 contravvenzioni per violazione al codice della strada. Nessun allarme significativo al momento, ma i controlli proseguiranno.