Via Misasi isola pedonale “funziona”, parola di alunni e docenti

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

combo via Misasi giornata sport Si celebrata stamane a Cosenza la “Giornata Europea dello Sport scolastico” istituita dalla Commissione europea per il 29 settembre. La manifestazione, che si è svolta nello spiazzale chiuso al traffico di via Misasi, ha coinvolto docenti e studenti della scuola media Zumbini che hanno potuto godersi qualche ora all’aria aperta senza il caos e lo strombazzare delle auto.

Alla manifestazione, sostenuta dal Comune di Cosenza, ha partecipato il sindaco della città Mario Occhiuto accompagnato dall’assessore Carmine Vizza e dal responsabile Impianti sportivi Pino Abate. L’iniziativa ha avuto come protagonisti gli alunni che si sono divertiti giocando a calcio e ad altri sport.

Il sindaco Occhiuto, nel corso della manifestazione ha evidenziato i benefici della decisione di chiudere il tratto di via Misasi, su tutti l’uso esclusivo di questo spazio (che presto verrà pavimentato e diventerà una piazza con giochi e arredi urbani) da parte dei piccoli cittadini che possono godere di un ambiente più salubre.

“Gradualmente – ha affermato Occhiuto – trasformiamo Cosenza in una città pedonale, dove ad avere priorità sono i pedoni e non le automobili, con un’attenzione speciale alla qualità della vita dei nostri cittadini”.

I docenti, ma anche gli alunni, hanno evidenziato che chiudere al traffico via Misasi è stata buona idea: “Sicuramente – ha detto per tutti la dirigente della Zumbini, Marietta Iusi – è un modo per vivere la libertà al centro della città. Le istituzioni scolastiche hanno bisogno di spazi dinamici e aperti. Questa è una risorsa che in pochissimo tempo abbiamo dimostrato di sapere e poter utilizzare”, ha concluso la preside.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM