Cumuli di inerti smaltiti illecitamente, sei denunce a Cosenza


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

materiale edile carabinieri forestali csCOSENZA – Sei persone denunciate per smaltimento illecito di rifiuti e un sequestro di 600 metri cubi di scarti di materiale edile. E’ questo il risultato di un controllo svolto dai carabinieri-forestali di Cosenza nell’ambito di servizi a tutela dell’ambiente.

L’attività, svolta in un cantiere edile tra viale Parco e via Cesare Curcio, a Cosenza, ha consentito di accertare che sei persone, cinque di Cosenza e uno di Marano Marchesato, al fine di eludere la tracciabilità di rifiuti provenienti da attività di demolizione, con attestazioni ritenute mendaci, avrebbero dichiarato quantitativi falsi e di molto inferiori alla reale massa di rifiuti prodotti.

Dopo aver avuto riscontri, i militari hanno contestato agli indagati i reati di falso e di illecita attività di gestione di rifiuti a carico del committente dei lavori, della ditta esecutrice e dei progettisti e direttori dei lavori.

Si è pertanto posto sotto sequestro il materiale inerte rinvenuto proveniente dall’attività di demolizione di alcuni vecchi fabbricati e dei muri perimetrali dei quali una parte era ancora depositata in un grosso cumulo e altra era stata illecitamente smaltita in violazioni di legge. I sei sono stati deferiti alla competente Procura della Repubblica di Cosenza per reati contro la Fede Pubblica e per reati ambientali.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER