Controlli straordinari nella Sibaritide, un arresto e denunce

Carlomagno campagna novembre 2018

carabinieriI carabinieri di Cassano all’Ionio hanno rintracciato e arrestato un 40enne con precedenti destinatario di un ordine di carcerazione. L’arresto è avvenuto nel corso di una serie di perquisizioni e di un controllo straordinario del territorio disposto dal comando carabinieri di Cosenza ed eseguito dalla compagnia Corigliano Calabro in tutta la Sibaritide.

L’arrestato, M.F.C., nato in Germania ma residente da lungo tempo a Cassano, nel 2012, a seguito di attività investigativa dei militari di Cassano, era stato ritenuto responsabile del furto di diverso materiale sottratto da un appartamento, che fra l’altro aveva caricato e nascosto all’interno di un furgone risultato provento di furto.

Per questo fu denunciato per furto aggravato e ricettazione in concorso. Il provvedimento eseguito giovedì mattina rappresenta la pena definitiva irrogata per quei reati e l’arrestato dovrà scontare quasi tre anni di carcere. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato tradotto presso la casa circondariale di Castrovillari.

Nell’ambito dello stesso servizio, i militari di Corigliano hanno eseguito controlli mirati presso le case popolari di Cassano all’Ionio a seguito dei quali denunciavano alla procura di Castrovillari una donna del posto per danneggiamento aggravato ed occupazione abusiva di alloggi di residenza pubblica-popolare, in quanto trovata, senza alcun titolo, all’interno di un appartamento di edilizia popolare, dopo aver danneggiato la porta d’ingresso..

Contestualmente diverse pattuglie effettuavano controlli nelle vie di grande comunicazione e soprattutto nei pressi della statale 106, anche con l’ausilio dell’etilometro. Dopo ore di controlli il resoconto è stato di 51 veicoli fermati, 65 persone controllate e due denunce all’autorità giudiziria.

Infatti veniva fermato a bordo di un’autovettura un cittadino della Romania che mostrava chiari sintomi di alterazione psicofisica e per tale motivo veniva sottoposto al test alcolemici, a seguito del quale risultava avere un tasso alcolemico superiore ai 2,5 grammi per litro di sangue.

Visto l’altissimo tasso riscontrato, si procedeva penalmente nei suoi confronti, oltre che al contestuale ritiro della patente di guida e al sequestro del veicolo per confisca. Un altro uomo, questa volta italiano e residente a Cassano all’Ionio, durante il controllo del proprio veicolo veniva trovato in possesso di due armi comuni da sparo, che seppure regolarmente denunciate, non poteva portare in luoghi pubblici, non detenendo alcun titolo di tal genere e per tal motivo veniva deferito per il reato di porto illegale di armi in luogo pubblico.

Infine venivano contestate tre violazioni amministrative per uso personale di sostanze stupefacenti ad altrettanti giovani trovati in possesso di modiche quantità di marijuana ed eroina e per la cui violazione dovranno rispondere davanti l’autorità prefettizia.