Controlli dei carabinieri a Corigliano, un arresto e denunce

Carlomagno campagna novembre 2018

arma CoriglianoNell’ambito dei servizi disposti dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Cosenza, finalizzati al controllo del territorio e alla prevenzione dei reati in genere, i Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno continuato nei dettagliati controlli, focalizzando l’attenzione nel territorio del comune di Corigliano Calabro e di Cassano all’Jonio.

Il bilancio del servizio svolto nella giornata di ieri e di questa mattina è di un arresto, due persone denunciate all’Autorità Giudiziaria, centodiciannove cartucce di vario calibro e quasi 60 gr di sostanza stupefacente sequestrata, una patente ritirata e decine di veicoli controllati durante le ore della movida coriglianese.

Nello specifico i militari della Tenenza di Cassano all’Ionio facevano scattare diverse perquisizioni presso magazzini ed abitazioni in stato di abbandono ubicati nel centro cittadino del Comune di Cassano all’Ionio, durante le quali venivano rinvenute in diversi nascondigli creati nel muro o all’interno dei mobili, 54 gr di sostanza stupefacente del tipo marijuana, sessantanove cartucce da fucile calibro 12 e cinquanta cartucce calibro 9. Tutto il materiale rinvenuto veniva sottoposto a sequestro penale a carico di ignoti.

Contemporaneamente i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Corigliano Calabro effettuavano una perquisizione mirata presso l’abitazione di un pluripregiudicato di Cassano all’Ionio, esattamente sita nella frazione di Lauropoli, a seguito della quale rinvenivano nascosti nella stanza da letto circa 5 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana già confezionata e termo sigillata, nonché una paletta segnaletica del tipo in uso alle forze dell’ordine, una pistola ad aria compressa e delle maschere. Inoltre nell’attigua stalla trovavano ben celato dietro arnesi da lavoro un bilancino di precisione utilizzato per la pesatura della sostanza stupefacente. Il materiale veniva posto sotto sequestro penale ed il soggetto denunciato per detenzione illecita di sostanza stupefacente e materiale per il confezionamento.

La Stazione Carabinieri di Corigliano Centro, invece, riusciva a reperire un pluripregiudicato, M.F., italiano, classe ’48, domiciliato in questo centro cittadino, in Contrada Oliveto, destinatario di un ordinanza di aggravamento della misura cautelare, emessa dal Ufficio G.I.P. del Tribunale di Palmi, poiché nell’ottobre scorso era stato tratto in arresto per spendita di monete false a Cinquefrondi (RC) dai locali Carabinieri. Lo stesso da quel momento aveva trasgredito più volte la misura dell’obbligo di dimora presso il Comune di Corigliano Calabro a cui era stato sottoposto e per tale motivo era stata sostituita dal giudice per le indagini preliminari con quella detentiva degli arresti domiciliari. I militari della Stazione di Corigliano, riuscendo a reperirlo nella giornata di ieri, lo hanno tratto in arresto e ristretto in regime degli arresti domiciliari presso la sua abitazione.
Contestualmente diverse pattuglie effettuavano controlli nelle vie di grande comunicazione e soprattutto nei pressi dei locali della movida notturna coriglianese, anche con l’ausilio dell’etilometro, per evitare che giovani ragazzi si mettessero alla guida dopo aver abusato ed assunto bevande alcoliche o sostanze stupefacenti.

I controlli effettuati hanno permesso di fermare 34 veicoli, identificare 47 persone, denunciarne una all’A.G. e ritirare una patente di guida. In particolare veniva fermato a bordo di un’autovettura un ragazzo italiano che mostrava chiari sintomi di alterazione psicofisica e per tale motivo veniva sottoposto ai controlli etilometrici con apposita strumentazione in dotazione ai Carabinieri. Lo stesso, però, non dava il proprio consenso per la misurazione del tasso alcolemico e per tale motivo nei suoi confronti scattava una denuncia penale per guida in stato di ebrezza, gli veniva ritirata immediatamente la patente di guida e sequestrato amministrativamente il veicolo.

I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro continueranno nel controllo del territorio per prevenire e reprimere la commissione di reati in genere e prestare un’accurata vigilanza sull’uso di sostanze stupefacenti e l’abuso di alcolici durante la guida, fenomeni che rappresentano da soli una delle cause principali degli incidenti mortali fra le fasce dei più giovani.