Taglia un bosco per ricavarci un terreno: sequestro e denuncia

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Taglia un bosco per ricavarci un terreno: sequestro e denuncia a LuzziI carabinieri-forestali della stazione di San Pietro in Guarano hanno sequestrato un’area di 3.000 metri quadri in località “Fosso D’Olmo” nel Comune di Luzzi e denunciato una persona.

Al’interno dell’area, con l’ausilio di mezzi meccanici, era stato effettuato un notevole movimento di terreno, pari a circa 5.000 metri cubi di volume mediante uno scavo da monte fino a valle con la realizzazione di scarpate con dislivelli fino a 8 metri.

Il controllo da parte dei militari ha inoltre evidenziato che l’area preesistente era formata da bosco di Castagno e Robinia ora sradicate al fine di effettuare i lavori.

L’attività, secondo quanto accertato dai militari, è stata eseguita dal proprietario del terreno senza alcuna autorizzazione in una area sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale provocando la denudazione del terreno e la perdita di stabilità.

Oltre al sequestro dell’area i militari hanno denunciato il proprietario del fondo per distruzione e deturpamento di bellezze naturali, in quanto ha svolto tali opere senza le necessarie autorizzazioni procedendo anche all’estirpazione di parte dell’area boscata esistente.