Gruppo Carabinieri-Forestale di Cosenza, lascia Melfi subentra Perrone

Carlomagno campagna ottobre 2018
A destra il tenente colonnello Vincenzo Perrone, neo comandante del gruppo carabinieri-forestali di Cosenza
A destra il tenente colonnello Vincenzo Perrone, neo comandante del gruppo carabinieri-forestali di Cosenza

Cambio al vertice del gruppo Carabinieri-Forestale di Cosenza. Il tenente colonnello Vincenzo Perrone subentra al colonnello Giuseppe Melfi che nei giorni scorsi ha lasciato la guida del gruppo cosentino dopo che il ministero della Difesa gli ha concesso un’aspettativa di cinque anni per assolvere il nuovo incarico di direttore del parco nazionale del Pollino.

Melfi, al comando del gruppo istituito dopo l’accorpamento del Corpo forestale dello Stato nell’Arma dei carabinieri, ha effettuato numerose inchieste, finalizzate al contrasto dei tagli forestali furtivi, incendi boschivi, la lotta al traffico dei rifiuti, dimostrando grandi doti anche nell’azione di divulgazione e l’educazione ambientale.

La guida del gruppo carabinieri-forestale di Cosenza, viene quindi assunta dal tenente colonnello Vincenzo Perrone, già da alcuni mesi a Cosenza, ufficiale superiore di provata esperienza che si è particolarmente distinto, negli ultimi anni, alla guida del reparto carabinieri Parco nazionale del Pollino di Rotonda (Potenza).

Il nuovo Comandante, in servizio dal 1995, ha iniziato la sua carriera presso il Comando Regionale di Genova dove ha assolto gli incarichi di responsabile del centro operativo Aib e di responsabile del Meteomont (allerta valanghe, ndr) per la regione Liguria.

E’ stato responsabile del nucleo di polizia forestale e successivamente responsabile del II e del III reparto operazione Adorno Rc e poi del coordinamento distrettuale di Castrovillari, capo del nucleo controlli Cee, settore olio e zucchero, capo dell’ufficio biodiversità di Cosenza. Comandante del reparto carabinieri parco nazionale del Pollino e responsabile del nucleo cinofilo antiveleno e del gruppo operativo speciale nel parco.

Di recente ha coadiuvato gli uomini del comandante provinciale dell’Arma Pietro Sutera nelle attività di analisi sul fenomeno incendi boschivi. Perrone, andrà a guidare le numerose stazioni carabinieri-forestali che costiutiscono il fulcro per il mantenimento in provincia dell’azione di contrasto ai reati boschivi e ambientali.