Fusione Corigliano-Rossano, via libera in commissione

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Fusione Corigliano e Rossano, via libera al referendumLa prima commissione “Affari istituzionali e generali” del Consiglio regionale ha approvato la proposta di legge sull’istituzione del nuovo Comune derivante dalla fusione di Corigliano e Rossano. Lo annuncia su twitter il vicepresidente della Regione, Antonio Viscomi, che ha partecipato ai lavori della commissione.

“Un lungo percorso – ricorda ancora Viscomi nel tweet – avviato nel 2015 con le deliberazioni dei Comuni che arriva ora al traguardo”. Dunque si va verso la nascita del nuovo Comune Corigliano-Rossano. La seduta è stata aperta dalla relazione del presidente Sergio che ha illustrato “spirito, contenuti e obiettivi della proposta che realizza – ha detto – un importante momento di semplificazione istituzionale e si muove nell’ottica di un miglioramento continuo dei servizi erogati e della promozione di forme avanzate di collaborazione tra i territori”.

I contributi dei consiglieri Bevacqua, Bova, Gallo e Nucera hanno focalizzato l’importanza di questo processo di fusione che parte dal basso, traducendo sul territorio la volontà – confermata successivamente dal referendum- dei Consigli comunali di Corigliano e Rossano. Una significativa testimonianza di democrazia rappresentativa con una “nuova” comunità di 80 mila calabresi e che può essere da guida per esperienze analoghe, rilanciando il tema delle fusioni nella regione Calabria e una nuova idea delle municipalità.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER