Schiavonea, fermato genero di Sisto. Avrebbe sparato a finestra

Carlomagno campagna novembre 2018
Il momento dell'arresto di Cosimo Sisto
Il momento dell’arresto di Cosimo Sisto

Una seconda persona, dopo l’anziano Cosimo Sisto, è stata fermata nella notte a Corigliano Calabro dai Carabinieri per la sparatoria avvenuta lunedì nel centro del Cosentino in cui sono rimaste ferite due persone. Si tratta del genero di Francesco Sisto, figlio di Cosimo, che è uno dei due feriti nella sparatoria.

La Procura di Castrovillari e il comando provinciale dei Carabinieri stanno attivamente collaborando, in queste ore, per sbrogliare quella che sembra un’intricata matassa fatta di risentimenti familiari e interessi personali.

Il giovane avrebbe sparato alle finestre dell’abitazione di Cosimo Sisto, per intimidirlo. Poi ci sarebbe stata l’accesa discussione, in casa, tra il pensionato, il figlio e la nuora. Il pensionato, al culmine della lite, presa una pistola calibro 38, legalmente detenuta, ha fatto fuoco contro figlio e nuora, ferendoli.

I due sono riusciti a scappare dalla casa, ma sono crollati sul marciapiedi, dove poi sono stati soccorsi. Nelle prossime ore sarà formalizzato l’eventuale misura cautelare anche contro il giovane fermato. I Carabinieri hanno anche sequestrato una pistola.

Francesco Sisto, ferito ieri dal padre Cosimo, è ancora in gravi condizioni all’Annunziata di Cosenza ma è piantonato dai carabinieri. A riferirlo all’Agi il procuratore della Repubblica di Castrovvilari Eugenio Facciolla “perché – spiega – potrebbe anche avere delle responsabilità”. Pare che nella famiglia Sisto non tutti i figli fossero contenti della divisione dei beni e che qualcuno non avesse rispettato le volontà del padre, che avrebbe aperto un secondo panificio proprio per appianare i diverbi tra i suoi figli.