Cosenza, ruba gioielli in casa di un avvocato. Preso Diabolik filippino

Carlomagno campagna ottobre 2018

 polizia romaUn badante filippino di 27 anni, incensurato, è stato fermato nella Capitale da personale della Squadra mobile di Cosenza e Roma con l’accusa di furto aggravato.

Al giovane viene contestata la sottrazione di gioielli, del valore di centomila euro, dall’abitazione di un professionista di Cosenza, un noto avvocato.

Il fatto è successo lo scorso 31 ottobre, quando approfittando dell’assenza del legale e dei suoi familiari, il badante, che aveva individuato il “ripostiglio” nell’abitazione del legale, ha arraffato i preziosi per poi svignarsela facendo perdere le proprie tracce.

Gli agenti del questore Giancarlo Conticchio, ricevuta la denuncia del professionista, nella quale veniva sottolineata l’assenza di segni di effrazione al portone di ingresso, si sono subito attivati e dopo una serie indagini, coordinate dalla Procura di Cosenza, sono riusciti a rintracciare il ventisettenne in pieno centro a Roma, dove intanto il giovane aveva trovato un altro lavoro.

Alle domande degli investigatori il piccolo Diabolik ha iniziato a farfugliare cadendo più volte in contraddizione. Messo alle strette, ha confessato il furto indicando il luogo dove si trovava piccola parte della refurtiva.

Gran parte dei preziosi era stata già venduta. Il provvedimento di fermo del filippino, ora in carcere a Roma, è stato emesso dal pm presso la Procura guidata da Mario Spagnuolo.