Sistema Rende, a processo Principe, Bernaudo e Ruffolo

Assolti Francesco Patitucci e Umberto di Puppo, ritenuti organici al clan Lanzino-Ruà. Condanne a 4 anni e 8 mesi per Adolfo D'Ambrosio e Michele Di Puppo. 2 anni per Rosario Mirabelli e Marco Paolo Lento

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Sandro Principe al tribunale di Catanzaro
Sandro Principe al tribunale di Catanzaro (Archivio)

Quattro condanne, 4 rinvii a giudizio e 2 assoluzioni: queste le decisioni del gup di Catanzaro per le persone coinvolte nell’inchiesta “Sistema Rende”. Sandro Principe, ex assessore regionale ed ex sindaco di Rende, è stato rinviato a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione aggravata dal metodo mafioso.

Stessa decisione per un altro ex sindaco di Rende, Umberto Bernaudo, e per l’ex consigliere provinciale ed ex assessore rendese, Pietro Ruffolo. A processo anche Giuseppe Gagliardi, anche lui ex assessore di Rende. Il giudice ha inoltre pronunciato sentenza per gli altri indagati che avevano fatto richiesta di rito abbreviato.

Assolti i due esponenti della cosca Lanzino-Ruà, Francesco Patitucci e Umberto di Puppo. Condannati invece a 4 anni e 8 mesi ciascuno Adolfo D’Ambrosio e Michele Di Puppo, anche loro ritenuti affiliati alla cosca. Due anni di reclusione sono stati infine inflitti all’ex consigliere regionale Rosario Mirabelli e a Marco Paolo Lento per la corruzione elettorale per le Regionali del 2010.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM