Forte mareggiata sulla costa tra Scalea e Nocera Terinese, danni


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

mareggiata costa tirrenica cosentinaUna violenta mareggiata sta interessando in queste ore la costa tirrenica dell’alto Tirreno Cosentino fino alla costa lametina, da Scalea a Nocera Terinese, creando notevoli disagi alla circolazione ed ai residenti di vari comuni che affacciano sul litorale.

In modo particolare, ad essere stata investita dalla forza del mare in tempesta è stata la costa di Nocera Terinese dove molte attività commerciali, tra cui ristoranti e pizzerie, ed abitazioni poste al pianterreno si sono allagati, insieme ad alcuni sottopassaggi che collegano le zone abitate dal mare, nonostante la distanza dalla spiaggia.

I vigili del fuoco del Comando provinciale di Catanzaro sono impegnati per rispondere alle numerose richieste di aiuto giunte alla sala operativa 115. A Nocera Terinese ma anche a Gizzeria e Falerna il mare in tempesta ha abbattuto delle barriere di protezione e si è riversato in un’area abitata. Le squadre dei vigili del fuoco sono impegnate a soccorrere i cittadini bloccati in casa con l’ausilio di una squadra di specialisti fluviali.

mareggiata costa tirrenica Molti interventi pure sul versante cosentino, da Amantea a Scalea dove l’acqua è arrivata oltre le barriere di protezione invadendo le sedi stradali. Disagi e danni nei porticcioli dove erano ormeggiate piccole imbarcazioni da diporto. Danni anche a strutture come lidi e capannoni.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER