A Cosenza la “bandiera azzurra” del benessere

Il titolo è stato assegnato dalla Federazione italiana atletica, istituito per la prima volta quest’anno e consegnato ai Comuni italiani impegnati nella promozione della corsa.

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Occhiuto Cosenza che verra  La città di Cosenza si è aggiudicata la bandiera azzurra, titolo assegnato per la prima volta quest’anno, dalla Federazione italiana atletica, ad otto città italiane impegnate nella promozione della corsa e della salute dei cittadini. A darne notizia è stato il sindaco Mario Occhiuto.

“Cosenza sarà tra le prime 8 città italiane, con Milano, Napoli, Catania, Cagliari, Pesaro, Valdengo e Valdobbiadene, che il prossimo mese riceverà la Bandiera azzurra”.

Si tratta, spiega una nota, “del più importante titolo assegnato dalla Federazione Italiana Atletica, istituito per la prima volta quest’anno e consegnato ai Comuni italiani impegnati nella promozione della corsa, del cammino e della salute dei propri cittadini”.

“Va avanti così l’idea di Cosenza “città della salute e del benessere”, evidenzia Mario Occhiuto. “Un’idea che stiamo portando avanti in questi anni e che ci vede proiettati nella costruzione di tante opere e azioni finalizzate a questo scopo. Inoltre – ricorda il sindaco – Cosenza è pure candidata a diventare Capitale europea dello sport per il 2020, e sarà al centro di importanti progetti nazionali ed europei. In quasi sette anni abbiamo scalato tutte le graduatorie che riguardano la vivibilità e portato la nostra città in vetta, tra le prime in Italia. La dimostrazione concreta che si può cambiare e migliorare, anche in Calabria”.

A fargli eco, l’assessore allo Sport Carmine Vizza: “L’Amministrazione comunale si è specificamente impegnata nel fornire ai cittadini nuovi impianti riqualificati, attrezzature e percorsi che consentono di svolgere in sicurezza e non solo al chiuso le attività sportive. È chiaro che tutto ciò – aggiunge l’assessore, fra l’altro medico di professione – è finalizzato proprio al raggiungimento del benessere fisico che tali attività, così com’è documentato scientificamente, contribuiscono a raggiungere. La soddisfazione da parte nostra è che grazie a questo nostro impegno in città viene oggi registrato un enorme aumento della pratica sportiva insieme a un coinvolgimento attivo dei cittadini”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM