Al via i lavori per III Macrolotto della 106. Fare 38 km costerà 1,3 miliardi

Da Sibari a Roseto Capo Spulico Anas realizza "un'arteria d'oro": 35 milioni di euro a chilometro, trentotto mila euro al metro. Al netto di possibili altri costi aggiuntivi...

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Statale 106 JonicaTutto pronto per l’avvio dei lavori del III Macrolotto della statale 106 ionica da Sibari a Roseto Capo Spulico, nel Cosentino. Un investimento da brividi pari a un 1 miliardo 330 milioni di euro a fronte del completamento di 38 chilometri di tracciato, che significa l’astronomica cifra di 35 milioni di euro a chilometro: 35 mila euro al metro. Un’arteria d’oro. Per realizzarla la cooperativa di imprese aggiudicataria impiegherà sei anni e mezzo, più del doppio (anche in termini di spesa) di quanto si impiega all’estero realizzare un’autostrada lunga 150 chilometri a 4 corsie più quelle di emergenze. Ovviamente, senza tener conto di possibili eventuali costi aggiuntivi…. Va però detto che c’è la costruzione di dieci km di gallerie e 17 viadotti.

L’avvio dell’opera è stata presentata stamane in una conferenza stampa nella sala convegni del Museo Archelogico di Sibari. A partecipare, il presidente della Regione Mario Oliverio, l’amministratore delegato di Anas, Gianni Vittorio Armani ed il presidente di Sirjo Scpa, contraente generale che realizzerà i lavori, Pietro Mario Gianvecchio. All’esterno del Museo, una cinquantina di persone ha inscenato una protesta contro l’opera.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Il progetto – è stato spiegato – prevede la realizzazione di due lotti: il primo, da Sibari allo svincolo di Trebisacce; il secondo da Trebisacce a Roseto Capo Spulico.

“E’ una giornata particolarmente importante. Non facciamo annunci, parte il cantiere di una grande d’opera”, ha detto il presidente Oliverio. “È stato un lavoro complesso aver portato a termine le procedure per l’inizio di questa infrastruttura, progettata sin dal 2007, la cui gara d’appalto è stata fatta nel 2011, che si era incagliata nella burocrazia e nelle procedure. Abbiamo lavorato perché si portasse a buon fine un investimento significativo per la nostra regione che consente non solo di ammodernare l’infrastruttura di area della nostra regione, ma di collegare la Calabria con il corridoio Adriatico e di realizzare l’ammodernamento di un pezzo fondamentale della 106 ionica”.

“Siamo a testimoniare il fatto che dopo un lavoro portato avanti i cantieri possono partire”, ha detto il numero uno di Anas Spa Armani sottolineando che “si tratta di un itinerario fondamentale per il Sud e per il Paese, che complessivamente completa 150 km di strada a quattro corsie che è stata già realizzata. Questo mette in connessione la ionica con il porto di Taranto e con l’autostrada del Mediterraneo. È una viabilità strategica complessivamente per la Calabria e per il sud, e finalmente questi 38 chilometri vengono a completare tutta la direttrice. C’è in corso la Firmo – Sibari- ha aggiunto l’ad di Anas- che è il cantiere che adesso stiamo realizzando, che completa la connessione”.

“Il territorio calabrese in generale è molto complesso sia dal punto di vista orografico, per le pendenze, le gallerie ed i viadotti che devono essere costruiti, che da quello geologico. Il progetto – ha affermato ancora Armani- è quello che è uscito fuori dalle conferenze ai servizi e che risponde a tutte le limitazione e i vincoli ambientali che sono stati richiesti e su cui è stata data risposta. Grande è stato l’investimento per rendere compatibile il progetto ai vincoli ambientali. È un investimento ambientale enorme che risponde alla tutela del territorio e delle bellezze della Calabria e dell’Italia in generale”.

Dal presidente della Sirjo scpa, è venuta l’illustrazione del cronoprogramma, gli impatti territoriali con le ricadute economiche ed occupazionali. Gianvecchio ha spiegato che la durata dei lavori sarà di sei anni e mezzo. Saranno quattro i cantieri operativi, in cui verrà impiegata prevalentemente manodopera locale.

Altro appuntamento, sempre con il presidente Oliverio e l’amministratore delegato Anas Armani: si ritroveranno nel pomeriggio nella Cittadella regionale per presentare il nuovo collegamento tra Crotone e Simeri Crichi in variante all’attuale sito.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM