Tentano estorsione a impresa edìle, in cella due cassanesi

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Luigi Di Gesù e Salvatore Vena
Da sinistra Luigi Di Gesù e Salvatore Vena

COSENZA – Due persone di Cassano allo Ionio, Luigi Di Gesù e Salvatore Vena, di 50 e 45 anni, volti già noti alla giustizia, sono stati arrestati da Polizia e Carabinieri di Cosenza con l’accusa di tentata estorsione ai danni di una impresa edìle.

Secondo l’accusa avanzata dalla procura di Castrovillari, che ha coordinato le indagini, i due avrebbero chiesto il pizzo a una impresa impegnata nei lavori di ammodernamento della statale 534, la bretella che collega lo svincolo di Firmo dell’A2 del Mediterraneo con la 106 ionica.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, i due avrebbero chiesto un “contributo” all’impresa, termine all’apparenza “amichevole” ma che nell’odierno vocabolario criminale significa estorsione. E’ stato lo stesso imprenditore, titolare della ditta “Intercantieri Vittadello” di Padova, a denunciare la tentata estorsione, dopo aver ripetutamente subito minacce e intimidazioni.

Gli arrestati. Da sinistra Luigi Di Gesù e Salvatore Vena

Un’indagine, ha spiegato presso la Questura di Cosenza il procuratore della Repubblica di Castrovillari, Eugenio Facciolla, avviata grazie alla denuncia dell’imprenditore e che è durata una decina di giorni. La giustizia – ha aggiunto il magistrato – può funzionare col contributo di tutti. Bisogna denunciare e avere fiducia nello Stato. Le risposte, ha fatto notare, arrivano nonostante la scarsa dotazione di mezzi e di organico.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM