Si ribalta autogru, disagi a Belvedere Marittimo

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
gru ribaltata
Archivio

Volge al termine fra i disagi il tormentato anno scolastico degli studenti dei licei di Belvedere Marittimo. Nelle immediate vicinanze del plesso, lunedì scorso, si è verificato un incidente con il ribaltamento di un’autogru

impiegata nei lavori di ristrutturazione dell’edificio e la conseguente caduta di carburante sulla strada che porta alla scuola. Solo il caso ha scongiurato gravi conseguenze perchè in quel momento la strada, solitamente percorsa da centinaia di ragazzi che si recano a scuola, era deserta.

Le aule, nell’immediatezza del sinistro, erano state fatte sgomberare su ordinanza del sindaco per motivi di sicurezza. L’automezzo è stato nel frattempo rigirato sulle gomme grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco, ma non è stato ancora rimosso e continua a occupare l’unica via d’ingresso al plesso scolastico. Permanendo i disagi ed il sospetto di possibili, ulteriori rischi nonostante la revoca dell’ordinanza sindacale, la dirigente ha disposto il trasferimento di alcune classi nelle aule disponibili nella vicina Diamante, giustificando, per motivi di sicurezza, eventuali assenze degli studenti destinati a continuare a frequentare le aule della sede centrale.

L’anno scolastico dei licei della cittadina tirrenica cosentina è stato costellato fin dall’inizio da disagi a causa dei lavori di ristrutturazione della scuola, che ha comportato anche l’abbattimento di una parte dei vecchi edifici. Gli studenti sono stati costretti a convivere con il cantiere, fra polvere e rumori, o ad emigrare a Diamante. Le accese proteste dei ragazzi e delle loro famiglie non sono valse a trovare una soluzione diversa. Restano quindi i dubbi sulla scelta di avviare i lavori nel corso dell’anno scolastico.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM