Truffa all’Arcea, indagate 4 persone. Sequestro per oltre 300 mila euro

Il provvedimento è arrivato al termine di un'indagine con cui è stata accertata l'indebita percezione di contributi agricoli, nel periodo 2012-2017, per 331 mila euro

Carlomagno Panda Settembre 2018
guardia di finanza cosenza sibari
Archivio

Beni per oltre 300 mila euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Sibari ad un intero nucleo familiare composto da quattro persone titolari di altrettante aziende agricole. Padre, madre e i due figli, L.F. di 65 anni – M.V. (55) – A.F. (31) – E.F. (30) tutti di Cassano allo Ionio – sono accusati infatti di truffa e falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico ai danni dell’Arcea, l’agenzia regionale per le erogazioni di contributi agricoli.

Il provvedimento, emesso dal Gip di Castrovillari su richiesta della Procura, è arrivato al termine di un’indagine che ha portato ad accertare l’indebita percezione di contributi agricoli, nel periodo 2012-2017, per un importo di 331 mila euro. Emersa la falsa disponibilità di fondi agricoli e la presentazione di contratti unilaterali e bilaterali, falsificando, in quest’ultimo caso, la firma dei reali e ignari proprietari (anche enti pubblici) dei terreni.