Ricomincia la scuola a Cosenza, gli auguri dell’assessore agli studenti

Matilde Spadafora Lanzino: "Vi esorto a coniugare la dimensione dell'impegno con la gioiosità dei vostri verdi anni". L'assessore presenzierà alla Misasi di Via Negroni.

Black Friday Carlomagno novembre 2018

apertura anno scolastico cosenza“È un giorno davvero magico, il primo giorno di scuola, il cui ricordo, attraverso voi, ritorna nella memoria di ogni adulto che risente serpeggiare nell’anima il sentimento nostalgico di una felicità mai dimenticata”. Lo scrive in un messaggio augurale a studenti e insegnanti, l’assessore alla scuola del comune di Cosenza, Matilde Spadafora Lanzino, in occasione del nuovo anno scolastico. Domani l’esponente della giunta Occhiuto presenzierà alla Misasi di Via Negroni.

I giorni di scuola, prosegue l’assessore, “dovranno essere di grande impegno per tutti. Di impegno per la comunità scolastica a cui è affidato il compito ineludibile di offrire a voi studenti, ai più piccoli, come agli adolescenti, una scuola capace di essere contemporanea, ma anche testimone del passato e rispettosa del sapere; una scuola gioiosa, ma rigorosa; una scuola buona, ma non facile”.

“Di impegno per la più ampia comunità educante di cui tutti facciamo parte, a partire dalla casa comunale che, giorno dopo giorno, costruisce, pensando soprattutto a voi, contesti culturalmente stimolanti e spazi vivibili, sottratti all’egoismo abitudinario di noi adulti”, sottolinea Spadafora Lanzino.

“Ma dovranno essere di impegno anche per voi”, afferma rivolgendosi agli studenti. “E questo perché vogliamo essere certi che l’esperienza scolastica possa essere per ciascuno una vera culla di crescita culturale e umana, capace di condurvi al riconoscimento dei vostri talenti, alla realizzazione dei vostri sogni, al rispetto civico e civile di voi stessi e degli altri”.

“Cari ragazzi, nel darvi gli auguri per questo nuovo inizio, vi esorto a coniugare la dimensione dell’ impegno consapevole con la gioiosità dei vostri verdi anni. Ve lo chiedo come persona adulta, amministratrice, mamma e nonna, in dolente e preoccupato ascolto di tristi eventi che purtroppo vedono protagonista un’età sempre più giovane”, conclude l’assessore.