Emergenza abitativa a Cosenza, il comune cerca privati che cedano case in locazione

L'obiettivo è darle temporaneamente ai "senzatetto". Gli alloggi dovranno essere tra i 60 e 100 mq circa; in buono stato di manutenzione; agibili e abitabili e con le certificazioni

Carlomagno campagna ottobre 2018

Emergenza abitativa a Cosenza, il comune cerca privati che cedano caseL’Amministrazione comunale avvia una ricognizione degli immobili ad uso residenziale da destinare all’emergenza abitativa. A tal fine – è scritto in un comunicato di palazzo dei Bruzi -, è stato appena pubblicato un avviso esplorativo attraverso il quale i soggetti privati e pubblici, proprietari sul territorio comunale di immobili ad uso abitazione civile, che non siano occupati, arredati o non arredati, possono manifestare il proprio interesse a cederli in locazione al Comune di Cosenza per l’assegnazione temporanea a nuclei familiari in condizioni di emergenza abitativa.

Gli alloggi dovranno avere le seguenti caratteristiche: una metratura indicativa compresa tra i 60 e 100 mq circa; un buono stato di manutenzione; agibili e abitabili, provvisti di tutte le certificazioni di conformità previste dalla normativa vigente.

La manifestazione d’interesse, che non è soggetta a scadenza temporale, deve pervenire al Servizio Patrimonio Gestione e Valorizzazione del Settore 12° Programmazione risorse finanziarie. L’avviso è pubblicato sulla home page del sito istituzionale (www.comune.cosenza.it) nella sezione “Bandi di gara e Avvisi”.

Mercoledì in prefettura l’amministrazione comunale ha partecipato a un incontro sull’emergenza abitativa con il prefetto Paola Galeone. L’amministrazione, per andare incontro alle famiglie indigenti senza casa, aveva rinnovato l’impegno di concedere contributi per il fitto fino a 300 euro al mese.