Cosenza, famiglia occupa Palazzetto dello Sport, sgomberato

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

sgombero palazzetto casali csUn intervento di sgombero del Palazzetto dello sport di Casali è stato portato a termine questa mattina dagli operatori della Polizia Municipale dell’Uocs (Unità operativa del centro storico), coordinati dall’ispettore Antonio Tocci. Lo rende noto il comune di Cosenza.

Da qualche tempo – spiega la nota – un nucleo familiare di etnia rom, composto da due adulti ed un bambino, si era, infatti, insediato abusivamente in alcuni locali del palazzetto. L’intervento è stato molto articolato, in quanto, a prescindere dalle evidenti condizioni di disagio in cui versava il nucleo familiare, vi erano da salvaguardare i diritti del minore.

Sul posto si è recata la consigliera comunale Alessandra De Rosa, delegata del Sindaco Occhiuto al terzo settore, che ha coordinato personalmente le operazioni relative all’assistenza del minore e gli altri interventi di carattere sociale richiesti dalla situazione. La consigliera De Rosa è stata raggiunta tempestivamente anche da un’assistente sociale del Comune per la presa in carico del nucleo familiare.

Espletata questa prima fase, si è poi dato corso allo sgombero della famiglia rom dalla struttura abusivamente occupata, ovviamente con tutte le cautele necessarie e consentendo loro di caricare i propri effetti personali e le varie suppellettili a bordo di un furgone e di un’automobile. Si è contestualmente provveduto, con l’ausilio di personale del servizio manutenzione del Comune, a chiudere i diversi ingressi del Palazzetto, così come personale del servizio acquedotti ha provveduto a chiudere l’acqua potabile che fuoriusciva copiosa da alcuni rubinetti rotti dei locali adibiti a spogliatoio.

Nel frattempo è stata disposta anche l’immediata bonifica della zona, grazie all’intervento di una delle cooperative comunali, che si è occupata del taglio dell’erba e della folta vegetazione, per rendere agibile l’accesso ai cancelli da parte del personale incaricato dei lavori di chiusura.

Nel frattempo, il dirigente del settore Infrastrutture del Comune, ing. Francesco Converso, ha dato disposizioni di chiudere, con operazioni di saldatura, tutti i cancelli e gli altri varchi per impedire altre occupazioni abusive.

Apprezzamento per l’ottimo lavoro svolto dai vigili dell’Unità operativa del centro storico, coordinati dall’ispettore Antonio Tocci, è stato espresso dalla delegata del Sindaco Alessandra De Rosa, anche per la celerità e il buon esito dell’operazione. Massima attenzione è stata riservata dall’Amministrazione comunale al nucleo familiare e al minore in particolare. Ne è stato disposto il trasferimento in due strutture. In una delle due sono stati indirizzati la madre con il bambino. Nell’altra, il padre.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER