Prevenzione dissesto idrogeologico, lavori di bonifica sul fiume Busento


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Prevenzione dissesto idrogeologico, lavori di bonifica sul fiume BusentoNell’ambito delle attività predisposte dall’assessorato alla Protezione civile del comune di Cosenza, guidato da Carmine Vizza, per la prevenzione del dissesto idrogeologico, sono in corso di svolgimento, nella parte alta del fiume Busento, importanti ed estesi lavori di bonifica finalizzati a prevenire ogni tipo di rischio legato ad eventuali esondazioni del fiume che potrebbero essere causate dalle cosìddette “bombe d’acqua” non infrequenti in questo periodo. Lo rende noto Palazzo dei Bruzi.

In particolare, spiega una nota, gli interventi di bonifica disposti dall’Amministrazione comunale ed eseguiti in collaborazione con le squadre del Consorzio di Bonifica Integrale dei Bacini Meridionali del Cosentino, in virtù di una convenzione stipulata tra gli enti e che sta producendo importanti risultati di prevenzione sul territorio, stanno riguardando l’area di via Oberdan e di Lungo Busento Tripoli fino a tutta l’area sottostante il Ponte Mancini.

Disponendo i lavori di bonifica, l’assessore Vizza ha inteso dare risposta alle sollecitazioni dei residenti che, in una petizione, avevano sottoposto all’attenzione del Comune l’esigenza di procedere alla pulitura del fiume per la presenza, nell’area interessata, di una fitta boscaglia, costituita da canneti e sterpaglie d’ogni genere.

“Gli interventi di bonifica – ha sottolineato l’assessore Vizza – proseguiranno anche nei prossimi giorni, fino a quando non saranno ripristinate le condizioni di sicurezza. Il rischio idrogeologico è tra quelli più temibili e va scongiurato con un’attenta opera di prevenzione. Per queste ragioni abbiamo adottato, in via precauzionale, queste misure di bonifica, urgenti e necessarie, a salvaguardia della pubblica incolumità. Non esiteremo a valutare ogni altra utile azione per la mitigazione del rischio idrogeologico della zona”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER