Guasto all’Abatemarco, Cosenza e hinterland con poca acqua

Carlomagno campagna Jeep Compass dicembre 2018

abatemarco soricalUna riduzione della fornitura idrica si sta registrando in città a causa di un guasto all’impianto di sollevamento Nascejume dell’Acquedotto Abatemarco. Lo ha comunicato al Comune di Cosenza la Sorical precisando che “è stato già ripristinato il funzionamento dell’apparecchiatura elettromeccanica e in giornata il sollevamento sarà regolarizzato in base alle disponibilità attuali delle sorgenti”.

In città, al di là dei guasti degli impianti, da qualche settimana si sta registrando un calo della portata dell’acqua. Nei giorni scorsi la Sorical aveva comunicato che “la crisi idrica che sta interessando l’area urbana di Cosenza è dovuta al fisiologico calo stagionale delle portate dell’acquedotto Abatemarco”.

“Gli acquiferi che alimentano questo acquedotto sono molto profondi e proprio per tale motivo hanno un ciclo annuale che vede il minimo nei mesi di novembre/dicembre. E’ quindi proprio in queste settimane che si registra il minimo stagionale della portata disponibile. Le piogge, che nelle ultime settimane hanno interessato la fascia jonica della Calabria, non hanno apportato alcun beneficio immediato alle sorgenti che per come detto hanno dei tempi di risposta molto più lenti”.

“Sorical, come fa da tempo, alla riduzione delle portate, contestualmente ripartisce la risorsa disponibile proporzionalmente ai 25 Comuni serviti. Da oltre un anno, tra Sorical e Comune di Cosenza, è stato istituito un tavolo tecnico al fine di sperimentare una nuova modalità di erogazione attraverso accumuli notturni presso il serbatoio regionale di Cozzo Muoio e il rilascio il mattino successivo. Da 11 mesi tale sperimentazione ha prodotto notevoli benefici per i cittadini. Un miglioramento ulteriore, nei prossimi mesi, può arrivare con il completamento dei lavori di ingegnerizzazione e nuova modellazione della rete idrica di Cosenza finanziata della Regione Calabria”, concludeva la nota di Sorical sottolineando come la vicenda “non può essere strumentalizzata a fini politici”.