Sabato l’Arma celebra la sua Patrona “Virgo Fidelis”


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Virgo Fidelis a Cosenza
Una cCelebrazione in onore di Virgo Fidelis a Cosenza (Archivio)

Domani 24 novembre 2018, alle ore 11.00, nella Cattedrale di Santa Maria Assunta, in Piazza Duomo di Cosenza, sarà celebrata la Santa Messa in onore della Patrona dell’Arma dei Carabinieri, Maria “Virgo Fidelis”, che per la particolare occasione sarà officiata da Mons. Santo Marcianò, ordinario militare per l’Italia.

La celebrazione della ricorrenza della Celeste Patrona dell’Arma costituisce annualmente un momento di meditazione spirituale per le donne e gli uomini in uniforme. Una giornata davvero speciale per la grande famiglia dell’Arma, che vuole anche ricordare gli eroi della Battaglia di Culqualber, di cui ricorre il “77° anniversario”, e stringersi simbolicamente agli orfani dei militari caduti nell’adempimento del servizio alla collettività.

Quest’anno l’evento assumerà una particolare connotazione in virtùdella scelta di condividere questa importante ricorrenza fianco a fianco con la popolazione cosentina e soprattutto con i giovani studenti dei locali istituti scolastici, sul solco del tradizionale e inscindibile legame che unisce l’Arma ai cittadini.

Alla celebrazione, oltre alle Autorità civili, militari ereligiose, unitamente a Carabinieri in servizio ed in congedo con le loro famiglie, saranno presenti il Generale di brigata Vincenzo Paticchio, Comandante della Legione Carabinieri Calabria, ed i Comandanti Provinciali delle 5 province calabresi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM