Arrestato corriere con oltre 150 chili di droga

Carlomagno campagna Jeep Renegade Agosto 2019

corriere droga I militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Montegiordano, nel corso di controlli su
strada hanno tratto in arresto un soggetto per il reato di traffico di sostanze stupefacenti, e sequestrato 154,6 chili di marjiuana e 350 grammi di hashish.

In particolare, i Finanzieri, impegnati sulla statale 106 (nell’abitato del Comune di Roseto
Capo Spulico), intimavano l’alt ad un autocarro telonato, guidato da un uomo di nazionalità
albanese, che sin da subito mostrava agli operanti evidenti segni di agitazione.

La circostanza ha fatto sì che i militari, anche sulla scorta delle dubbie motivazioni fornite dal soggetto circa le ragioni del viaggio, eseguissero una accurata ispezione del mezzo di
trasporto, con il supporto dell’unità cinofila a disposizione.

Proprio l’infallibile fiuto del cane antidroga “C-Quanto”, portava al rinvenimento di quindici
involucri di varie dimensioni contenenti oltre 150 chilogrammi di sostanza stupefacente del
tipo marijuana, accuratamente sigillati con cellophane, oltre a tre panetti di hashish del peso complessivo di 350 grammi circa.

La droga, era stata abilmente occultata dallo spacciatore nel cassone dell’autocarro, in un
capiente doppiofondo congegnato appositamente per trasportare lo stupefacente, coperto
con liste di legno e chiuso in sacchetti di cellophane, per cercare di eludere – evidentemente invano – i controlli tramite cani antidroga.

corriere droga

Il responsabile, G.M. di anni 32, di nazionalità albanese, tratto in arresto in flagranza di reato, è stato associato presso la Casa Circondariale di Castrovillari e messo a disposizione
dell’Autorità Giudiziaria della Procura della Repubblica di Castrovillari.

L’arrestato rischia la pena della reclusione da sei a venti anni e la multa da 26.000 a 260.000 euro per la violazione del testo unico sulla droga che punisce la produzione, il traffico e la detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope.

Oltre la sostanza stupefacente, che ha un valore commerciale stimato in un milione di euro
circa, sono stati sequestrati tre telefoni cellulari con rispettive SIM (probabilmente utilizzati
per contattare gli acquirenti), dieci banconote da cinquanta euro l’una e l’autocarro utilizzato dal trafficante per il trasporto dello stupefacente.