Cosenza Brescia 2-3, un gran primo tempo dei Lupi, poi il gelo della rimonta

Incredibile al Marulla. Padroni di casa in vantaggio per 2-0 si fanno rimontare e vengono sconfitti con una rete a fine recupero.

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019
Il tiro gol di Bruccini in Cosenza Brescia
Il tiro gol di Bruccini in Cosenza Brescia

Quando il sogno è a portata di mano, lo si accarezza e ci sono tutti gli elementi per realizzarlo, solo qualche errore e molta ingenuità può banalmente mandarlo in fumo. E’ ciò che è incredibilmente successo oggi allo stadio Marulla di Cosenza dove in vantaggio per 2-0, i Lupi alla fine hanno capitolato per 2-3 contro il Brescia, la capolista che guida la Serie B. Una beffa davvero amara per la squadra di Braglia, per di più davanti agli oltre diecimila accorsi allo stadio.

Non è bastato un gran primo tempo dei rossoblù che hanno dominato in lungo e in largo una partita che si annunciava ostica, ma grazie alle reti di Bruccini (al ’19, tiro deviato da un difensore lombardo) e di Embalo (al ’27 su colpo di testa) hanno chiuso la prima frazione di gara per 2-0. Le rondinelle di Corino tornano negli spogliatoi bastonati, ma la leva motivazionale e la voglia di riscatto avranno fatto certo la differenza.

Ringraziandoti per il seguito, sarebbe cosa gradita un MI PIACE sulla nostra nuova pagina di Facebook

Nella ripresa praterie per il Brescia che all’8 accorcia le distanze con Spalek lasciato sfilare colpevolmente a tu per tu con Perina. Al ’30 da una mischia in area dei padroni di casa l’arbitro fischia un rigore che Donnarumma trasforma battendo l’estremo difensore. E’ il 2-2 e alla fine mancano ancora quindici minuti. Il gelo attraversa il Marulla che non riesce a credere ai suoi occhi.

Garritano Cosenza Brescia
Garritano in azione durante Cosenza Brescia

Ma quando tutto lascia supporre a un punto strappato con i primi della classe, arriva la doccia gelata: in pieno recupero, al ’94, Bisoli in contropiede viene servito al limite, si fa spazio e insacca la rete del 2-3. Una gara iniziata alla grande e finita nel peggiore dei modi. Il Cosenza con i suoi 33 punti è comunque in una posizione tranquilla in classifica. Prossima partita a Pescara.

TABELLINO

COSENZA: Perina; Bittante, Dermaku, Capela, Legittimo; Bruccini, Palmiero (30′ pt Mungo), Sciaudone; Embalo (18′ st Garritano), Tutino, Baez (34′ st Litteri). A disp.: Saracco, Mungo, D’Orazio, Izco, Schetino, Maniero, Garritano, Hristov. All. Braglia

BRESCIA: Alfonso; Sabelli, Gastaldello, Romagnoli, Semprini (39′ st Mateju); Bisoli, Tonali (42′ st Martinelli), Ndoj; Spalek (18′ st Dall’Oglio); Donnarumma, Torregrossa. A disp.: Andrenacci, Dall’Oglio, Lancini, Rodriguez, Cortesi, Viviani. All. Corini

ARBITRO: Dionisi di L’Aquila (Mastrodonato – Scratagli).

MARCATORI: 19′ pt Bruccini (C), 27′ pt Embalo (C), 8′ st Spalek (B), 30′ st Donnarumma rig. (B), 47′ st Bisoli (B)

NOTE: Giornata soleggiata e tipicamente primaverile, temperatura di circa 20°C. Spettatori presenti: 10.810 di cui 207 ospiti (8807 paganti + 1538 abbonati). Al 10′ st allontanato dal terreno di gioco Stefano Trinchera, direttore sportivo del Cosenza. Al 36′ st espulso anche mister Braglia. Ammoniti: Legittimo (C), Tonali (B), Tutino (C), Mungo (C). Angoli: 3-4 (pt 2-2). Recupero: 3′ pt; 5′ st.