La Polizia bussa e loro gettano dal cocaina dal balcone, in carcere

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Personale della polizia giudiziaria del Commissariato di Corigliano-Rossano ha arrestato in flagranza di reato una coppia per detenzione di cocaina ai fini dello spaccio. Gli agenti hanno effettuato una perquisizione domiciliare nella frazione Schiavonea a casa di A.A., di 46 anni, già noto alle forze dell’ordine, e della compagna D.S. (43).

Insospettiti dal lungo tempo impiegato dagli occupanti per aprire la porta e dalle luci accese che filtravano all’esterno, i poliziotti si sono appostati sul retro dello stabile ed hanno affacciarsi al balcone dell’appartamento prima la donna e poi l’uomo che ha gettato un involucro sul marciapiede. Subito dopo è stato aperto il portone d’ingresso.

Nell’involucro, subito recuperato, gli investigatori hanno trovato 84 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento. In casa sono stati poi trovati Duemila euro in banconote di piccolo taglio.

Visti gli elementi raccolti, i due soggetti – con a carico numerosi precedenti di polizia e penali per spaccio, rapina, ed in particolare l’uomo anche per associazione a delinquere di stampo mafioso, furto e tentato omicidio – sono stati arrestati.

Il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari ha disposto per loro la traduzione in carcere in attesa del rito per direttissima.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER