Estorsione “mafiosa” a impresa nel Cosentino, arrestato un 47enne

Secondo la DDA l'uomo avrebbe posto in essere due episodi ai danni di una ditta che stava eseguendo lavori a San Giorgio Albanese. L'indagine condotta dai Carabinieri di Cosenza

Carlomagno campagna Alfa Romeo Stelvio Luglio 2019

Estorsione mafiosa a impresa nel Cosentino, arrestato un 47enneI Carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Cosenza hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice presso il Tribunale di Catanzaro – su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia – a carico di Mario Vigliaturo, 47 anni, ritenuto responsabile di due episodi di estorsione e tentata estorsione, aggravati dal “metodo mafioso”, in danno di un’impresa appaltatrice di lavori pubblici eseguiti nel comune di San Giorgio Albanese, centro del Cosentino.

Le indagini, i cui esiti sono confluiti nell’ordinanza, sono state avviate a seguito della denuncia di un atto intimidatorio subito dall’imprenditore taglieggiato nel mese di maggio 2018, mediante il posizionamento di una bottiglietta contenente liquido infiammabile sulla pedaliera di un camion aziendale parcheggiato in un’area prossima al cantiere.

Dalle indagini dei militari cosentini è emerso che Vigliaturo, a distanza di un mese dall’atto intimidatorio, aveva avvicinato i responsabili dell’azienda, avanzando richiesta di una somma di denaro quale “regalino per gli amici di Corigliano”.

Nella stessa occasione, Vigliaturo, approfittando dello stato di soggezione ingenerato nella vittima – a cui aveva evocato la sua appartenenza ad un più esteso sodalizio criminale – costringeva quest’ultima a consegnargli del materiale edile presente nel cantiere, dietro la minaccia che, se non gli avesse subito consegnato le cose richieste, avrebbe subito delle ritorsioni.

Secondo l’accusa, le indagini hanno confermato la presunta contiguità del Vigliaturo ad acclarati contesti di criminalità organizzata, tenuto conto delle sue frequentazioni e del suo coinvolgimento in pregresse indagini su cosche della ‘ndrangheta operanti in quell’area.