Calabria, Gratteri: “Non mi candido a elezioni regionali”

Il procuratore di Catanzaro a Cassano per un premio: "Non mi fermo a non fare le cose per paura di essere ammazzato". Ai giovani: "Ribellatevi ed impegnatevi per cambiare la Calabria"

Carlomagno campagna Jeep Renegade Agosto 2019
Nicola Gratteri
Nicola Gratteri

(ANSA) – CASSANO ALLO JONIO (COSENZA), 9 GIU – “Io non voglio candidarmi. Io amo il mio lavoro e voglio continuare a fare il Procuratore di Catanzaro. Un lavoro che mi sta dando tante soddisfazioni”. Così il Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, a Cassano allo Jonio, nel corso della cerimonia in cui gli è stato consegnato il premio “Giorgio La Pira”, ha risposto alla domanda se intende candidarsi alle prossime elezioni regionali.

“Non è importante vivere, ma come si vive”, ha aggiunto il magistrato rispondendo ad un’altra domanda sulle minacce di morte rivoltegli dalla ‘ndrangheta. “Io nella mia vita – ha detto ancora Gratteri – ho avuto tanto e soddisfazioni inimmaginabili. Quindi, anche se morissi domani, per me non sarebbe un problema”.

“Cercherò, comunque, di vivere il più possibile perché – spiega – ho voglia e fretta di fare tante cose. Ma non mi fermo, sia chiaro, a non fare le cose per paura di essere ammazzato”. Quindi un invito rivolto ai giovani: “Ribellatevi ed impegnatevi per cambiare la Calabria”.