Cirò, altro sbarco di clandestini provenienti dalla Turchia

57 immigrati, tutti uomini pakistana, sono arrivati a Cirò Marina, dopo avere viaggiato a bordo di una barca a vela lunga 16 metri partita dalla Turchia.

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Cinquantasette immigrati clandestini, tutti uomini di nazionalità pakistana, sono arrivati a Cirò, nel crotonese, dopo avere viaggiato a bordo di una barca a vela lunga 16 metri partita dalla Turchia.

Sul posto sono giunti le forze dell’ordine ed il sindaco di Cirò. I pakistani sono stati trasferiti nel Centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto.

Il 3 settembre scorso, sempre a bordo di una barca a vela, erano arrivati a “Le Castella” di Isola Capo Rizzuto, nella stessa zona del crotonese, altri 52 migranti. Indagini sono in corso per individuare gli scafisti.

Ogni viaggio dalle coste turche a quelle del sud Italia costa ai clandestini tra i 4 e i cinquemila euro a testa. Nel caso dello sbarco a Cirò la mafia della tratta di esseri umani ha incassato oltre 220 mila euro.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER