Lite al battesimo con accoltellamento: Un ferito grave e un arresto

A Cariati, nel Cosentino. L’uomo arrestato è accusato di tentato omicidio. Per l’episodio sono indagate anche altre due persone del posto

Carlomagno campagna Fiat 500 Gamma Dicembre 2019

Va a un battesimo e viene accoltellato: Grave. Un arresto dei CCCARIATI (COSENZA) – Colpito a coltellate allo stomaco durante i festeggiamenti per un battesimo. Grave un quarantatreenne trasportato in elisoccorso all’ospedale civile dell’Annunziata di Cosenza. Per l’episodio, i Carabinieri hanno tratto in arresto nella notte il 34enne A.A. con l’accusa di tentato omicidio.

Indagate a piede libero anche altre due persone: C.C. di trentacinque anni e A.C. di 30 anni. I tre, tutti di Cariati, sono difesi di fiducia dagli avvocati penalisti Provino Meles e Raffaele Meles.

I FATTI La vicenda risale al pomeriggio di ieri, sabato 7 settembre, quando, durante un ricevimento per una festa di battesimo all’interno di un ristorante del luogo, si è verificata l’aggressione ai danni di un 43enne originario di Cirò (Crotone), raggiunto da tre coltellate per motivi ancora al vaglio degli inquirenti. L’uomo, che farebbe parte dell’animazione, è stato portato in ospedale con il coltello ancora conficcato nell’addome.

Secondo una prima ricostruzione, il 34enne A.A., che dopo l’arresto è stato recluso nella Casa Circondariale di Castrovillari, al culmine di una discussione avrebbe estratto il coltello dalla tasca sferrando i fendenti contro la vittima, probabilmente per dissidi con la band musicale. Nelle prossime ore l’udienza per la convalida dell’arresto e l’interrogatorio di garanzia dinanzi al Gip.

La ricostruzione dei Carabinieri

La vicenda, da quanto raccolto dai militari dell’Arma, si sarebbe verificata già nel tardo pomeriggio di ieri all’interno di un noto ristorante-lido ubicato sul lungomare di Cariati, allorquando, nel corso dei festeggiamenti di un battesimo, si sarebbe verificata una discussione all’interno del locale per futili motivi, complice l’assunzione di sostanze alcoliche, tra i tre indagati ed una quarta persona.

L’alterco sarebbe poi proseguito all’esterno del locale, sino a che uno degli indagati avrebbe estratto un coltello della lunghezza di 16 centimetri ed avrebbe colpito più di una volta ed in più parti del corpo, per l’appunto, l’interlocutore della discussione.

A quel punto i tre, avrebbero abbandonato il locale senza preoccuparsi delle condizioni di salute della persona ferita. Quest’ultima, soccorsa da alcuni invitati nonché da alcuni avventori, veniva accompagnata inizialmente presso il punto di primo soccorso di Cariati dove, a causa della gravità delle lesioni, veniva deciso il trasferimento a mezzo elisoccorso presso l’Ospedale di Cosenza, ove tutt’ora si trova in prognosi riservata.

I tre protagonisti della vicenda sono stati rintracciati solo alcune ore dopo l’accaduto dai carabinieri, i quali grazie alle testimonianze raccolte nell’immediatezza e grazie alla visione delle immagini dell’impianto di videosorveglianza del locale, li hanno dapprima identificati e successivamente accompagnati presso la caserma di Cariati.

Per uno dei soggetti, che avrebbe sferrato i fendenti, sono scattate le manette ed al termine delle formalità di rito è stato trasferito, su disposizione della Procura di Castrovillari diretta dal procuratore Eugenio Facciolla, presso la Casa Circondariale di Castrovillari a disposizione dell’autorità giudiziaria con l’accusa di tentato omicidio, mentre per gli altri due soggetti è scattata una denuncia in stato di libertà per il medesimo fatto-reato, in concorso.