Cosenza, ragazzo gioca a calcetto e muore. Il cordoglio del sindaco

Carlomagno Faro istituzionale

pronto soccorso ambulanzaDramma ieri a Cosenza. Un diciottenne di Cosenza, Salvatore Figliuzzi, è deceduto a seguito di un malore avuto durante una partita di calcetto con gli amici.

Il ragazzo si trovava in un campetto di calcio nei pressi del Municipio di Cosenza quando si è accasciato sul manto di gioco. Inutile la corsa al pronto soccorso dell’ospedale Annunziata dove è morto.

Il cordoglio del sindaco di Cosenza
“A distanza di tre giorni dal fatale incidente stradale che ha ucciso quattro giovani vite, l’ennesima disgrazia ci porta via un altro ragazzo della nostra città. Cambiano le circostanze, non il dolore”.

Il sindaco Mario Occhiuto esprime profondo cordoglio per la prematura e improvvisa scomparsa di Salvatore Figliuzzi, 19 anni da compiere il prossimo novembre, che ieri sera si è accasciato per un malore durante una partita di calcetto e non si è più ripreso, smettendo di respirare per sempre.

“Resto sgomento per un evento che ha dell’assurdo e ci fa porre domande alle quali non sappiamo dare risposta – afferma il primo cittadino – Quando il sorriso e il futuro di un ragazzo vengono spenti così, si spegne qualcosa in ognuno di noi. Cosenza si stringe ai genitori e alla sorella di Salvatore nell’indicibile sofferenza. A loro e all’intera famiglia di questo povero ragazzo, giungano le condoglianze dell’amministrazione comunale, con un particolare pensiero di vicinanza al caro zio Franco Falcone, dipendente del Comune di Cosenza, e al cugino Gaetano Cairo, consigliere comunale”.