Dissesto a Cosenza, Guccione: “Occhiuto tragga le conseguenze”

Il consigliere comunale: "La finanza creativa di Occhiuto ha portato inesorabilmente il Comune di Cosenza al dissesto finanziario per centinaia di milioni di euro"

Carlomagno campagna Jeep Cherokee Novembre 2019
Carlo Guccione
Carlo Guccione

“Avevamo visto giusto. La finanza creativa di Occhiuto ha portato inesorabilmente il Comune di Cosenza al dissesto finanziario per centinaia di milioni di euro”. Lo afferma in una nota il consigliere comunale di opposizione Carlo Guccione dopo la pronuncia di dissesto della Corte dei Conti.

“Già nel corso del consiglio comunale del 25 agosto 2016, – spiega Guccione – in occasione dell’approvazione degli equilibri di bilancio e dell’assestamento finanziario, avevamo sostenuto il rischio del dissesto e chiesto un’operazione verità sullo stato delle casse comunali. Subito dopo inviammo una corposa documentazione alla Procura generale, alla sezione regionale di Controllo e alla sezione giurisdizionale della Corte dei Conti di Catanzaro. La stessa nota fu inviata anche alla Ragioneria generale dello Stato (Servizi ispettivi di finanza pubblica) a Roma”.

“L’amministrazione di Cosenza – prosegue il consigliere – non solo non è stata in grado di ripianare i debiti pregressi, ma lo stesso debito è aumentato nel corso del tempo fino a raggiungere gli oltre 350 milioni. A questi vanno aggiunti ulteriori 30 milioni che, secondo una analisi della Corte dei Conti, non sono stati “contemplati” nel Bilancio per ammissione dello stesso Comune”.

Secondo Guccione “la filosofia portata avanti in questi anni dal sindaco Occhiuto è stata quella di governare facendo debiti, tanto saranno i cosentini a pagarne le conseguenze. Oggi l’amministrazione comunale nel prendere atto del dissesto si affretta a sostenere che “non ci saranno conseguenze per i cittadini”. Nessuno crede più agli amministratori comunali: è come dire ai cittadini che esiste Babbo Natale. Purtroppo, saranno proprio loro invece a subire tagli e carenze di servizi, il blocco degli investimenti. Così come non è esclusa una possibile mobilità del personale”.

“A questo punto qualcuno tragga le dovute conseguenze. È tempo che ci si assuma le proprie responsabilità per avviare una fase nuova che porti la città fuori da questo disastro finanziario con conseguenze enormi sul piano sociale ed economico”, conclude Carlo Guccione.