Jole Santelli (Centrodestra): “Supportare le università calabresi”

Per la candidata alla presidenza della Regione Calabria il sistema universitario calabrese deve diventare una realtà partecipata al servizio del territorio regionale


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Jole Santelli candidata
Jole Santelli

“Il sistema universitario calabrese deve diventare una realtà partecipata al servizio del territorio regionale”. Lo afferma Jole Santelli, candidata del centrodestra alla presidenza della Regione Calabria.

“Per far sì – aggiunge – che gli atenei calabresi interpretino pienamente il ruolo di interlocutori privilegiati, anche nel campo della pubblica amministrazione, è necessario promulgare, in tempi rapidi, una legge regionale che supporti le università, così da programmare e pianificare azioni sostenendo i fondi per il diritto allo studio e aggiornare vecchie norme obsolete”.

“In questo senso – spiega la Santelli – ho già fatto mie le preoccupazioni degli studenti calabresi che negli scorsi giorni hanno lanciato un allarme rispetto alla scarsità di fondi in ordine al diritto allo studio. Come pretendiamo che le nostre intelligenze rimangano in Calabria se non contribuiamo ad offrire loro gli strumenti per farlo, finanziando borse di studio, dottorati e ricerca? Siamo già pronti a lavorare in tal senso”.

“Abbiamo accolto – conclude Santelli – l’invito del magnifico rettore Nicola Leone e del Senato Accademico dell’Università della Calabra e siamo pronti ad accogliere le proposte che provengono dall’intero sistema universitario regionale. Faremo quanto nelle competenze dell’ente regionale per offrire alle nostre Università le migliori condizioni possibili e avvieremo politiche regionali concrete finalizzate ad arrestare e invertire il gravissimo processo di emigrazione giovanile in atto”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM