La psicosi Coronavirus colpisce i negozi cinesi in Calabria. Panico ingiustificato

Locali vuoti in giro per la regione. Ma se crollano i nostri amici con gli occhi a mandorla si è costretti ad andare altrove. Esercizi che in larga parte vendono prodotti (costosi) made in Cina


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
La psicosi Coronavirus colpisce i negozi cinesi in Calabria. Panico ingiustificato
Archivio

Locali vuoti e casse che languono. E’ quanto vivono i negozi cinesi in Calabria coinvolti, loro malgrado, dalla sindrome del coronavirus. Molti esercenti cinesi non vanno in Cina da tempo, anni o mesi, eppure la crisi legata al virus travolge in pieno le loro attività a causa del panico diffuso per le notizie che arrivano da Wuhan, città da dove l’epidemia si è diffusa.

A Cosenza, ma non solo, in questo fine settimana i locali cinesi erano deserti, quando fino a un mese fa non si poteva entrare. I cosentini – che pure si affidano a questi esercizi per acquistare vestiti e altri prodotti a pochi soldi -, hanno paura e non entrano.

Un allarmismo ingiustificato (alimentato anche da tante fake news) che penalizza centinaia di shop made in Cina che da anni fanno da “ammortizzatore” e consentono a migliaia di famiglie calabresi di comprare un paio di scarpe o una borsa con pochi euro.

Non solo, gli imprenditori cinesi danno lavoro a decine di giovani del posto che ora sono a rischio. Fino a quando i negozi cinesi possono resistere senza incassare nulla, nessuno lo sa.

Loro, i nostri amici con gli occhi a mandorla, ce la mettono tutta ma – va detto -, anche i clienti calabresi dovranno dargli una mano tornando a fare il loro consueto shopping senza paure. Va oltretutto ricordato che da una ventina d’anni sono una parte importante della nostra “economia”.

Del resto, se crollano loro e chiudono i negozi cinesi non tornano i piccoli e tradizionali negozietti sotto casa. Tocca andare in altri posti o centri commerciali di grandi catene e fare acquisti costosi, sebbene, guarda il paradosso, la merce in vendita viene in larga parte prodotta in Cina. Quindi che senso ha disertare i negozi cinesi? Nessuno!


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM