Coronavirus, il Comune di Cosenza si affida alla Madonna del Pilerio

Con l'iniziativa, l'Amministrazione e l'Arcidiocesi, in un momento di particolare preoccupazione dei cittadini e dei fedeli hanno deciso di rinnovare un atto di affidamento alla Patrona

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

Il Comune di Cosenza ha esposto, da questa mattina, dal balcone della facciata principale di Palazzo dei Bruzi un drappo con l’effigie della Madonna del Pilerio, Patrona della Città, che si aggiunge ad un altro drappo esposto dal Palazzo arcivescovile. Lo comunica il comune.

Con l’iniziativa, l’Amministrazione comunale, con il Sindaco Mario Occhiuto, e l’Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano, con l’Arcivescovo, Mons. Francescantonio Nolè, in un momento di particolare preoccupazione dei cittadini e dei fedeli, dovuto alla emergenza coronavirus, hanno deciso di rinnovare un atto di affidamento alla patrona di Cosenza: la Madonna del Pilerio.

L’impossibilità di organizzare manifestazioni che prevedano assembramenti di persone, ha spinto le istituzioni ad esporre i drappi che riproducono l’icona sacra e miracolosa del Pilerio, conservata presso la cattedrale di Cosenza.

I drappi, di proprietà della fondazione Riccardo Misasi, sono stati messi a disposizione della città. I pregiati manufatti sono stati realizzati da Giuliana Fittante, titolare della bottega “Artelesio” nel centro storico di Cosenza.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB