Covid in Calabria, i dati dell’ISS: i decessi al 23 Aprile sono 54, pari allo 0,2%

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Il grafico dell’ISS sui decessi aggiornato al 23 aprile e la governatrice Jole Santelli

Su un campione di 23.188 pazienti deceduti e considerati positivi all’infezione da SARS-CoV-2 in Italia, nella Regione Calabria i decessi ritenuti Covid sono 54, due in più rispetto al 20 aprile. E’ quanto emerge dall’ultimo Report ufficiale dell’Istituto Superiore di Sanità di ieri 23 Aprile. Secondo quanto diffuso dalla Regione Calabria guidata da Jole Santelli i decessi attributi al Covid sarebbero invece 80. Un numero smentito dagli accertamenti dell’ISS, come mostra il grafico di ieri.

Anche i media locali riportano numeri distorti attribuendo erroneamente al Covid la causa dei decessi di anziani nelle Rsa che sono affetti da gravi patologie preesistenti.

Secondo il report ufficiale della massima autorità sanitaria in Italia, il primato dei decessi spetta Lombardia che conta 12.946 morti considerati covid, pari al 55,8%; al secondo posto l’Emilia Romagna con 3.190 decessi (13,8); terzo il Piemonte con 1.746 (7,5%). La Calabria è al terz’ultimo posto con 54 morti, in coda la Basilicata e il Molise rispettivamente con 23 e 20 morti, pari entrambe allo 0,1 percento.

Secondo l’istituto, l”età media dei deceduti in tutto il paese è di 79 anni. Al 23 aprile sono 260 dei 23.188 (1,1%) i pazienti positivi morti di età inferiore ai 50 anni. In particolare, 57 di questi avevano meno di 40 anni (36 uomini e 21 donne con età compresa tra 0 e 39 anni). Di 9 pazienti, scrive l’istituto, di età inferiore ai 40 anni non sono disponibili informazioni cliniche, gli altri 38 presentavano gravi patologie preesistenti (patologie cardiovascolari, renali, psichiatriche, diabete, obesità) e 10 non avevano diagnosticate patologie di rilievo.

Nel report si legge ancora che su un campione di 2.041 deceduti in Italia per i quali è stato possibile analizzare le cartelle cliniche, il numero medio di patologie osservate in questa popolazione è di 3,3. Complessivamente, 74 pazienti (3,6% del campione) non presentava nessuna patologia pregressa; 294 (14,4%) presentavano una patologia; 431 (21,1%) presentavano 2 patologie e 1.242 (60,9%) presentavano 3 o più patologie.

ECCO IL GRAFICO COMPLETO DELL’ISS


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER