Covid, in Calabria 79 decessi dall’inizio dell’emergenza al 7 Maggio (0,3%)

Carlomagno Jeep Compass Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

Dal 20 febbraio al 7 Maggio, su un campione di 27.955 pazienti deceduti in Italia e considerati Covid sono 79 i decessi in Calabria, pari allo 0,3%. Il dato emerge dall’ultimo report ufficiale dell’Istituto superiore di Sanità pubblicato Venerdì 8 Maggio. Il primato dei morti resta alla Lombardia che conta 14.611 decessi pari al 52,3%, a seguire l’Emilia Romagna con 3.737 deceduti (13,4%); il Piemonte con 2.194 decessi pari al 7,8; il Veneto 1.596 morti (5,7%).

La Calabria si trova al quart’ultimo posto per decessi. Segue l’Umbria con 71 morti, pari allo 0,3%; la Basilicata e il Molise rispettivamente con 24 e 23 deceduti (0,1%).

L’età media dei pazienti deceduti, secondo il report, è di 80 anni. Su un campione di 2.621 persone decedute per i quali è stato possibile analizzare le cartelle cliniche 101 pazienti (3,9% del campione) non presentavano nessuna patologia pregressa; 393 deceduti (pari al 15,0%) presentavano 1 patologia; 558 (21,3%) 2 patologie e 1.569 (59,9%) presentavano 3 o più patologie.

Al 7 maggio in tutta Italia sono 312 dei 27.955 (1,1%) i pazienti deceduti di età inferiore ai 50 anni. In particolare, 66 di questi avevano meno di 40 anni (42 uomini e 24 donne con età compresa tra 0 e 39 anni). Di 14 pazienti di età inferiore ai 40 anni non sono disponibili informazioni cliniche, gli altri 40 presentavano gravi patologie preesistenti (patologie cardiovascolari, renali, psichiatriche, diabete, obesità) e 12 non avevano diagnosticate patologie di rilievo.

 

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb