Il Fondo per l’ambiente italiano riapre l’area dei “Giganti della Sila”

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Dopo i mesi di lockdown, il Fondo per l’ambiente italiano (Fai) riapre i suoi beni ai visitatori e inaugura una nuova fase per guardare con fiducia al futuro del Paese. Nel Parco Nazionale della Sila sarà nuovamente possibile visitare i Giganti della Sila, lo spettacolare bosco secolare che sopravvive intatto dal Seicento e che preserva alberi alti fino a 45 metri, dal tronco largo 2 e dall’età straordinaria di 350 anni.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Affidata in concessione al Fai nel 2016 – insieme all’adiacente Casino Mollo, donato alla Fondazione dai Baroni Mollo – questa selva ultracentenaria rappresenta il trionfo della natura nella sua spontaneità.

Da venerdì a domenica, dalle 10 alle 17, il pubblico potrà prenotare la propria visita per passeggiare finalmente, di nuovo, tra questi alberi magnifici e maestosi, e scoprirne i segreti e le virtù.

Una visita in sicurezza nel pieno rispetto dei principi definiti dal Governo a partire dal mantenimento della distanza interpersonale con contingentamento di visitatori e, ove possibile, organizzata a “senso unico” per evitare eventuali incroci.

Sarà d’obbligo indossare la mascherina durante i momenti di ingresso e di uscita dalla Riserva e nelle fasi di sosta per le spiegazioni da parte delle guide. Saranno inoltre a disposizione dispenser con gel igienizzante sia in biglietteria che nei punti “critici” lungo il percorso.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM