Medico dell’Asp di Cosenza colpisce e ferisce un infermiere con la portiera dell’auto

L'uomo non è nuovo ad episodi simili. Il 3 aprile scorso, nell'ospedale di Cetraro, aveva insultato alcuni infermieri. Dieci giorni fa, invece, ha tentato di investire con la moto alcuni colleghi


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Fatture pagate due volte, blitz della Finanza all'Asp di Cosenza

Un medico dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, P. R, ha colpito un infermiere con lo sportello della propria automobile, lasciandolo a terra ferito.

Il fatto è accaduto stamani davanti gli uffici del dipartimento Igiene e prevenzione. La vittima è un infermerie capo della task forse per l’emergenza Covid che stava uscendo per andare in ospedale a ritirare alcuni referti di test sierologici.

Il medico è stato successivamente rintracciato dai carabinieri mentre passeggiava su Corso Mazzini e la sua posizione è ora al vaglio della Procura di Cosenza.

L’uomo non è nuovo ad episodi simili. Il 3 aprile scorso, nell’ospedale di Cetraro, rivolgendosi ad alcuni infermieri che lamentavano la carenza di misure di protezione, disse loro: “Siete qui solo per rubare lo stipendio, non siete infermieri”. Leggi

Il 20 maggio, invece, dopo avere tentato di investire con la moto alcuni colleghi davanti la sede dell’Asp era andato negli uffici lanciando documenti e inveendo contro i propri superiori e le persone presenti. Leggi


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM