Paola, sequestrata una spiaggia occupata abusivamente per allevare animali e coltivare piante

La Polizia ha denunciato un uomo alla Procura della Repubblica per il reato di occupazione abusiva di area demaniale marittima.

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

Agenti del Commissariato di Polizia di Paola hanno sequestrato un’area demaniale marittima di 5.200 mq circa, proprio a ridosso della spiaggia, in località Pennelli, che era stata occupata abusivamente per la coltivazione di numerose piante nonché utilizzata per l’allevamento di animali.

Nei giorni scorsi, – spiega una nota della Questura -, dalla verifica di alcune relazioni tecniche comunali, sono stati predisposti e svolti servizi di osservazione, documentati da videoriprese ad opera della Polizia Scientifica, che hanno permesso di accertare che un quarantesettenne di Paola aveva occupato l’area illegalmente.

Sequestrata l’area demaniale, i poliziotti hanno inoltre riscontrato la presenza di un impianto di irrigazione, attraverso il quale veniva attinta illegalmente l’acqua dalla rete idrica comunale utilizzata per innaffiare le piante da orto e gli alberi da frutto coltivate.

All’interno dell’area sequestrata vi era una gabbia in legno e rete metallica, con all’interno animali da allevamento. Le bestie venivano sono state affidate per l’accudimento.

L’area sottoposta a sequestro è stata delimitata da apposita visibile segnaletica e la persona deferita alla Procura della Repubblica di Paola per il reato di occupazione abusiva di area demaniale marittima.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB