2 Giugno, cerimonia distanziata a Cosenza

Carlomagno Jeep Renegade Ottobre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
La Prefettura di Cosenza

Cerimonia breve e sobria, senza la consegna delle onorificenze al merito, quella che si è tenuta quest’anno davanti alla Prefettura di Cosenza in occasione della Festa della Repubblica Italiana di oggi 2 Giugno.

Presenti, comunque, le autorità civili, militari e religiose e anche la presidente della Regione Calabria, Jole Santelli. Il Prefetto, Cinzia Guercio, dopo l’alzabandiera e la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica, si è intrattenuto con la stampa.

“Ci dispiace per questa festa contenuta e anche limitata, ma le parole del Presidente della Repubblica ci hanno fatto capire la drammaticità del momento: ancora non è finita – ha detto il prefetto – e dobbiamo capire che il virus ci ha posto davanti alla nostra vulnerabilità, che non è solo fisica, ma anche psichica, economica e sociale. Io rivolgo un messaggio ai ragazzi: avete tutti i diritti di stare insieme, – ha detto Guercio – ma fatelo rispettando le regole, e così potrete stare insieme di più”.

“Il problema che più ci angoscia ora è quello della ripresa economica, e ci coordiniamo tra prefetti della Calabria per questo – ha detto il prefetto – e voglio mandare un messaggio agli imprenditori: il momento è difficile, ma non cadete nelle maglie della criminalità organizzate: denunciate, non cedete ad usura ed estorsioni! Stiamo lavorando con le banche perché possano venire incontro alle persone. Faccio una battuta: c’è un signore che ogni mese vede la sua auto incendiata – ha detto il prefetto – e io ho detto: allora sarà il suo concessionario, visto che poi se la ricompra. A parte gli scherzi, se vi incendiano l’auto ogni mese un problema ce l’avete. E se i cittadini vogliono, devono anche dare. Denunciate!”

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB