Interrogato il comandante dei Vigili del fuoco arrestato

Secondo quanto ha riferito l'avvocato, Massimo Cundari ha risposto senza difficoltà alle domande del Gip di Cosenza Giuseppe Greco e del pm Giuseppe Visconti. E' accusato di concussione e falso

Carlomagno Jeep Renegade Ottobre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
L’Ing. Massimo Cundari (Ansa)

Ha risposto a tutte le domande del Gip e del pm nel corso dell’interrogatorio di garanzia cui è stato sottoposto in carcere, fornendo una propria versione dei fatti, Massimo Cundari, di 54 anni, il comandante dei vigili urbani di Cosenza arrestato martedì scorso dai carabinieri con l’accusa di concussione e falso in atto pubblico. A riferirlo è stato il difensore di Cundari, Nicola Carratelli.

Secondo quanto ha riferito l’avvocato Carratelli, Cundari non si sarebbe trovato in difficoltà, né ha avuto alcuna esitazione di fronte alle domande postegli dal Gip Giuseppe Greco e dal pm Giuseppe Visconti.

A Cundari viene contestato, oltre alla concussione ed al falso in atto pubblico, il reato di induzione indebita a dare o promettere utilità. In particolare, secondo l’accusa, Cundari avrebbe chiesto e ottenuto da un imprenditore la consegna di ottomila e 500 euro in cambio dell’autorizzazione per poter aprire di un impianto di rifornimento Gpl. (Ansa)

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB